Il tempo è una risorsa preziosa. Rallenta.

“C’è un legame segreto fra lentezza e memoria, fra velocità e oblio. Prendiamo una situazione delle più banali: un uomo cammina per la strada. A un tratto cerca di ricordare qualcosa, che però gli sfugge. Allora, istintivamente, rallenta il passo. Chi invece vuole dimenticare un evento penoso appena vissuto accelera inconsapevolmente la sua andatura, come per allontanarsi da qualcosa che sente ancora troppo vicino a sé nel tempo”

Milan Kundera

Il mondo moderno ci vuole sempre attivi, scattanti, veloci, pronti, multitasking. Le giornate sono scandite da ritmi frenetici, cronometrate al secondo. Lo stress si accumula, le malattie psicosomatiche abbondano e la frustrazione cresce.

L’imperativo è CONSUMARE. E per consumare devi PRODURRE.

Riflettete un istante, guardatevi intorno: non sembriamo tanti criceti che girano sulla ruota, un giorno dopo l’altro? Lavoriamo per guadagnare per comprare cose il più delle volte inutili. Siamo schiavi del concetto dell’AVERE per non essere meno degli altri, succubi di un’idea di felicità legata al POSSESSO.

Ma ci si può affrancare da tutto questo. Si può rifiutare il consumismo, ricalibrare i propri bisogni scoprendo quelli VERI.

Per farlo però occorre RALLENTARE. Concentrarsi sul fare una cosa alla volta, godersi un pasto in tranquillità, ritagliarsi anche soltanto 15 minuti per stare fermi, in silenzio e in ascolto.

Molti sono spaventati da questo semplice passo, altri lo reputano inutile, praticamente uno spreco di tempo. La verità è che non siamo più abituati a connetterci con noi stessi, con le nostre necessità, le nostre emozioni. In realtà, non ci conosciamo per niente.

Avere un momento per sé può farci scoprire una persona nuova: NOI.

I ritmi a cui siamo sottoposti sono molto deleteri per la nostra mente e di conseguenza per il nostro corpo. Imparando a prendersela con più calma parallelamente calmerà anche i pensieri, che saranno più lucidi. Saremo più centrati e pian piano ci accorgeremo di essere anche più presenti, in un certo senso più vivi. Tanti paragonano la sensazione che si prova ad una nebbia che si dirada e scompare. Posso testimoniarlo anch’io. Io ero una persona che si vantava di essere multitasking. Ero in grado di avere tre, quattro fornelli accesi e nel frattempo passare l’ aspirapolvere in tutta casa. Non mi accorgevo affatto dello stress a cui ero soggetta, fino a quando, puntualmente non accadeva qualcosa per cui scoppiavo o mi sentivo esausta. Credetemi, mi ci è voluto molto tempo per rallentare. Posso dirvi che ciò che maggiormente mi ha aiutato è stata la mindfulness. Il bello è che quando inizi ad accorgerti dei progressi e dei cambiamenti avvenuti, è perché ne hai fatti veramente tanti. Hai acquisito una nuova meravigliosa capacità: quella di aver cura di te.

3 Replies to “Il tempo è una risorsa preziosa. Rallenta.”

  1. Ho iniziato ieri a leggere “ESSERE PACE di Thich Nhat Hanh.
    Nella prefazione mi ha già colpito il fatto che nei loro monasteri ogni tot ore suona una campana.
    Al suono della campana tutti si fermano e si “ricordano” di ritornare a sé stessi, nel qui e ora.

    Voglio mettere in casa mia qualcosa del genere: ogni 3-4 ore voglio sentire il suono di una campana così da fermarmi e ricordarmi di ESSERE.

    Beato il gatto che È in ogni istante. A me serve la campana. 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: